Osservatorio sulla giurisprudenza del giudice di pace

La clinica legale dell’Università di Roma Tre ha avviato un osservatorio sulla giurisprudenza del Giudice di Pace in materia di immigrazione.

Obiettivo del progetto è quello di monitorare le pronunce del GdP inerenti tematiche che incidono sui diritti fondamentali, con particolare attenzione al controllo giurisdizionale sull’espulsione e il trattenimento di cittadini stranieri. Sebbene la scelta legislativa di estendere la competenza del GdP al settore dell’immigrazione sia stata oggetto di dibattito, a oggi, si registra l’assenza di ricerche sistematiche sull’operato della magistratura onoraria nei settori indicati, né esiste una raccolta sistematizzata e facilmente accessibile delle pronunce rilevanti.

L’osservatorio intende contribuire a colmare quest’assenza, raccogliendo e rendendo disponibili le  pronunce del GdP su base nazionale, nonché fornendo un’analisi degli orientamenti rilevanti alla luce dei principi e dei criteri interpretativi stabiliti dalla normativa europea, dalla Corte di Giustizia e dalle corti apicali nazionali.

L’osservatorio avrà carattere nazionale e si avvarrà della collaborazione dei seguenti Dipartimenti universitari e centri di ricerca: Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre (coordinamento della ricerca prof. Enrica Rigo), Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Firenze (referente della ricerca prof. Emilio Santoro), Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari Aldo Moro (referente della ricerca prof. Giuseppe Campesi), International University College of Turin e Associazione Studi Giuridici Immigrazione (referenti della ricerca prof. Ulrich Stege e avv. Maurizio Veglio ). L’osservatorio procederà a una raccolta sistematica di dati disponibili presso le cancellerie del GdP in merito ai procedimenti di convalida del provvedimento di trattenimento, proroga del trattenimento, ricorso avverso l’espulsione, nonché ai procedimenti di carattere penale previsti dal Testo Unico Immigrazione.